esperienza sul campo, stile di vita

E così, lavori da casa… 6+1 interessanti punti di vista

“aahhh che bello lavori da casa! Così ti eviti lo stress del traffico, i colleghi rompi, trovare parcheggio. Risparmi in benzina…”

Peccato che, a meno che non viva per conto tuo, non sempre è così semplice riuscire ad avere uno spazio proprio per lavorare. Già, perchè questi lavori 2.0 a chi ormai ha i capelli bianchi già da un pò di tempo, suonano strani. Come se non fossero veri lavori. In teoria si, stai lavorando…ma, non stai lavorando. Intanto tutti possono aspettare, puoi prenderti tutto il tempo libro che vuoi. Dicono, loro. Pensano, loro.

Con l’unica pecca che se non lavori, non fatturi, non guadagni. Anche se a volte capita di non essere pagati anche quando la fattura viene comunque fatta. E’ il rischio del mestiere come lavoratore/ce autonomo/a. Qualcuno dovrà pur fare questo “duro” lavoro.

Quindi, punto 1) Cercare di spiegare agli altri, e far capire sopratutto, che è un lavoro vero. Con scadenze da rispettare. Imprevisti a cui far fronte. Gestire il tutto, e non solo un piano editoriale. Ok, forse con questo avranno non uno, ma tre punti interrogativi sulla loro testa. Quindi parola d’ordine: semplificare. O rassegnarsi e lasciarli dire.

2) cercare un punto nella casa che diventi l’ufficio dove riesca a lavorare al meglio anche se nessuno bussa prima di entrare e ti ritrovi a sentire domande del tipo:” ma ci metto il sugo o lo lascio in bianco? Insalata o zucchine?” nel bel mezzo della concentrazione del pezzo clou che stai scrivendo in quel momento. Oppure ancora:” ma non hai finito di lavorare? Ma chi te lo fa fare a stare tante ore davanti al pc. Ma lavori anche domani? Non lavoravi solo un paio d’ore al giorno?”. Come se gli altri non avessero mai lavorato in vita propria e avessero resettato la parte che a volte si è costretti a fare qualche ora in più perchè si sa già che durante la settimana si avranno altre cose da fare. Quindi altra parola chiave è: organizzarsi o ottimizzare i tempi. Punti di vista. Si può vedere come una sorta di allenamento in caso un giorno trovassi lavoro in una web agency e devi far fronte al caos dell’ufficio.

3) musica. Dipende da cosa stai scrivendo, se sei abituato ad ascoltarla  mentre scrivi, se ti aiuta o ti distrae, se preferisci l’assoluto silenzio. O se riesci a entrare nel tuo mondo in modo da non sentire più nulla, escludendoti in toto e riemergere solo dopo aver finito la prima bozzona.  Chissà magari hai una playlist su spotify che ti aiuta nella concentrazione.

4) un ampia scrivania ha il suo perchè. Anche solo per stare comodi e tenere i vari appunti. Quelli classici scritti a mano e i post-it con le scadenze o memo del tipo: chiamare commercialista. E la classica bottiglietta d’acqua o una tazza di….bo. A proprio piacimento.

5) pausa. Ascolta il tuo corpo. Lui la sa più lunga di te. Intanto quando è stanco ti farà lavorare male, anche se devi consegnare in tempi brevi. Lo so, è complicato. Ma una piccola pausa ogni tanto ti aiuterà anche ad avere dei lampi di genio e poi farti scrivere di getto tutto quello che non ti veniva in mezza giornata di scervellamento più totale su ciò che stai lavorando.

6) buone idee nei momenti meno improbabili. Sotto la doccia, dove non puoi prendere appunti, mentre guidi, mentre metti la frutta nella busta al supermercato o sei in fila da qualche parte. In quel caso qualche appunto sullo smartphone riesci anche a prenderlo. A volte è meglio avere un caro e vecchio piccolo block notes e una penna a portata di mano.

7) Buon lavoro! =) che ti piaccia o meno; nuovo o vecchio che sia; che ti faccia dire ma chi me l’ha fatto fare; che ti faccia tirare qualche vaffa in più; arrabbiare; prendere soddisfazioni e rivincite personali; ti faccia sentire attivo e non col cervello che perde il suo potere.

Lavorare da casa ha i pro e i contro come ogni mestiere. Personalmente lo vedo come una gavetta per lavorare un giorno, in una web agency a contatto con più persone. Chissà….

 

Se questo articolo ti è piaciuto, potresti condividerlo per favore? Grazie! 🙂

 

Cicatrix

Annunci

8 pensieri riguardo “E così, lavori da casa… 6+1 interessanti punti di vista”

  1. Sono molto d’accordo con tutti i punti a parte l’ultimo…ehehe nel senso che io ho già fatto lunga gavetta in ufficio: ok per i contro del lavoro da casa, ma non tornerei mai indietro 🙂
    Mi tengo tutti i contro del lavoro da casa che per me pesano meno di quelli del lavoro in ufficio!

    È verissimo comunque che lo spazio in cui lavoriamo è importante. Quando vado a casa dei miei, per esempio, non riesco a lavorare con la stessa tranquillità. Qui in casa mia, invece, nella mia asociale solitudine, mi gestisco da sola i miei alti e bassi ma per lo meno sono più produttiva!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...