lettura

Non è la fine del mondo

img_20180721_120032445939039.jpg

Scritto da: Alessia Gazzola

Edito da:Universale Economica Feltrinelli

Cartaceo: 8.90€ / 8.10€ usato

Ebook: 6.99€

La cosa che mi ha colpito di questo libro è lo stile della Gazzola (che la prima volta avevo letto Gazzosa. Son pirla, lo so. E qui un mio ex collega avrebbe detto:”mai vantarsi”).

Nella sua scrittura è come se dietro ci fosse uno studio accurato di ricerca delle parole giuste da mettere giù. Come se ciascuna storia avesse bisogno di quelle e non di altre. In pratica se vuoi arricchire il tuo vocabolario personale, questo libro ti dà una mano.

Non che gli altri libri non lo facciano, non dico questo, ma qui ti arriva dritto al cervello fin dalla prima pagina. Si è l’autrice dei gialli ironici della serie L’allieva che andava in onda su rai1.

Ma passiamo alla trama o sto testo diventa un papiro.

Emma de Tessent ha studiato tanto per arrivare a lavoro nel mondo delle produzioni cinematografiche. Fa la stagista con uno stipendio non proprio degno di essere chiamato così, presso la Fairmont. Per via di una crisi finanziaria interna, l’azienda tra lei e la sua collega sceglie di assumere la seconda.

E’ amica dello scrittore Tameyoschi Tessai con il quale è legata da un ricordo dolce e doloroso assieme. Era lo scrittore preferito del suo papà, per il quale lei aveva fatto la fila durante un firma copie. Lei gli aveva detto una frase che colpì lo scrittore tanto da ripetergliela anni dopo, quando la vita li rimette di nuovo uno davanti all’altra. Lei vorrebbe avere i diritti del suo libro di successo per farci un film bellissimo.

Tessai era amico, o forse qualcosa in più, del fratello della mamma di Emma, sig. Sinibaldi. Ma che è suo zio Emma lo scoprirà in altro momento.

In tutto questo Emma, dopo un colloquio di lavoro alla Waldau, che non va nel migliore dei modi trova lavoro presso una bottega di una sarta, la signora Vittoria, che confeziona abiti per i bimbi.

Si scoprirà che Vittoria è la mamma del produttore, bello e tenebroso, della Waldau per la quale Emma tenterà una nuova candidatura dopo un altro giro di lavatrice alla Fairmont.

Ideale per chi ama la lettura, il cinema e adora i suoi nipoti. E si vuole ritrovare immersa in una favola moderna per niente sdolcinata. Anche se Emma ama gli Harmony.

Leggerò altri suoi libri? Sì!

 

M.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...